La Corriera Stravagante - Pub Birreria CASTELVERDE Roma
La Corriera Stravagante - PUB Birreria

PUB - BIRRERIA
Castelverde ROMA

 
castelverderock
   
Presenta
   

"RISONANZE"concorso musicale per band emergenti sul tema“ Le città invisibili ”

 
 

Le migliori cinque band proclamate da una giuria di qualità e una giuria popolare che si esibiranno nella finale il 13 Giugno sono:

BASTIAN CONTRARIO

vedi fotogallery

RISONANZE 2008 è stato vinto in ex equo da:

ZEUGMA da Campobasso

BASTIAN CONTRARIO da Roma

Band partecipanti alle semifinali di Risonanze 2008

venerdi 9 Maggio

KARAK

TOMMASO LOSTIA

MARGA

venerdi 16 Maggio

MINERVA IN BLU

UNIPLUX

L.F.B.

venerdi 23 Maggio

ZEUGMA

MUSICPHOBIA

BASTIAN CONTRARIO

venerdi 30 Maggio

SUFI GARAGE

WANASGANA

NOISE QUARTET

venerdi 6 Giugno

FALENA

NOVAE VITAE

ANDREA CASSETTA

KARAK
L'idea KARAK nasce nel 2000 grazie ad Andrea Orabona, il primo batterista. I componenti iniziali erano tre (Chitarra, Tastiera e Batteria), di cui due ancora presenti. Hanno realizzato nell'arco di un anno e mezzo 4 concerti di cui uno memorabile al teatro Vespasiano di Rieti davanti 800 spettatori.
Dopo la partenza per Londra del batterista c'è stato un susseguirsi di componenti, la ricerca di un bassista di buon livello, fino ad arrivare alla soluzione attuale nel dicembre 2006: due chitarre, batteria, basso, tastiera. Tutti musicisti provenienti da esperienze diverse. L'idea è sempre stata quella di comporre pezzi propri e dopo essere riusciuti a combinare le varie influenze musicali, sono nati dei brani originali sia per genere che per tematiche proposte.

www.myspace.com/karak00
www.karak.it

TOMMASO LOSTIA
Tommaso Lòstia nasce a Roma Il 17 Aprile 1983. Comincia ad ascoltare musica all'età di 7 anni, ascoltando tutto quello che rappresenta ciò che lo circonda. La musica rappresenta un'urgenza e come tale si concretizza all'età di 13 anni, attraverso l'acquisto della sua prima chitarra da 40.000 Lire.
Consuma la tastiera alla ricerca di quei suoni che lo circondano: facce difficili, note difficili. Di lì a pochi mesi comprerà una chitarra acustica e successivamente un'elettrica, cercando disperatamente il suono che lo vede tutti i giorni.
Comincia a suonare in una Band composta da tutti ragazzi della sua borgata, e dal 1997 al 2001 condivide con loro concerti, esperienze e momenti di pura crescita. Con questa formazione vince un concorso per Band emergenti nel 2000 a Stazione Birra, suona con Toni Esposito sul Palco del Tor di Valle Music Festival.
Nel frattempo i rapporti con gli altri sembrano incrinarsi: non tutti hanno le stesse priorità, mentre Tommaso comincia a capire che questa ricerca della propria essenza attraverso la musica lo impegnerà per il resto dei suoi giorni.
Dopo aver studiato per due anni la Chitarra Elettrica, decide di dotarsi di una preparazione eterea, cominciando a studiare la Chitarra Classica, la Teoria Musicale ed il Solfeggio. Abbandona il suo vecchio gruppo, cominciando a lavorare a quello che sarà il suo futuro: la sua professione.
Dopo due anni di studio furioso e disperato, riesce ad entrare nella Classe di Chitarra del Conservatorio “A. Casella” di L'Aquila al 6° Anno.
E' il 2003: si apre una fase nuova fatta di scoperte, non sempre positive, e di confronti impagabili in quanto a maturazione musicale ed umana.
Nonostante un'adolescenza fortemente travagliata, non smette di credere nelle persone, e nell'assunto che la musica vada condivisa come ogni patrimonio dell'umanità: costi quel che costi.
Dopo una ricerca estenuante di musicisti e persone all'altezza dei suoi ideali, nell'estate del 2004 nascono gli Zetà.
Con Danilo Di Battista al Basso e Luigi Ferrara alla Batteria, si incammina verso quello che, alla fine, si rivelerà un percorso fallimentare quanto necessario. Nel 2006 registrano un EP omonimo di tre tracce che ottiene buone recensioni da Zines quali “Nerds Attack!”, “SonicBands”, “SoundScape” etc. Gli Zetà, nella persona di Tommaso, entrano a far parte di Polyester, un'associazione culturale che promuove, sostiene e produce ogni tipo di manifestazione musicale sul territorio romano. Attravero Polyester il cantautore Romano si rende conto, con sommo sbigottimento, che le persone simili a lui esistono. Quelle persone che lui cercava da una vita ora avevano un nome ed una faccia, una salvezza per la sua povera anima intagliata da delusioni.
Ciononostante, gli equilibri tra Tommaso e gli altri due Zetà cominciano a scricchiolare. Tutto il mondo attorno a lui comincia a scricchiolare.
All'improvviso tutto si fa nero, e Tommaso saluta tutto e tutti per un bel po' di tempo. Il risveglio è lento ed impacciato, ma Tommaso ha imparato a discernere le situazioni ineluttabili da quelle recuperabili. Sente che il suo rapporto con gli Zetà è arrivato al capolinea, e lascia la band e tre anni della sua vita.
Polyester lo porta al Defrag, spazio sociale gestito da persone meravigliose, che lo arricchiranno di nuove competenze e passioni ma, soprattutto, di nuovi rapporti umani.
Alla fine il 2007 si rivela un anno sabbatico necessario, ma sfruttato al meglio. La voglia di suonare e di studiare finalmente ritorna a far parte delle sue pulsioni primarie, dopo mesi di angusta latitanza. E' il momento di crescere, di diventare grandi: di affrontare la vita. Tommaso saluta Polyester ed il Defrag per dedicarsi interamente alla musica, per esprimersi ed affermarsi, definitivamente, attraverso il suo progetto solista.
Tommaso fa pace con se stesso, con il suo passato, con quello che scoprirà essere il suo habitat naturale: la sua amatissima borgata. Torna in Conservatorio, dove frequenta il 9° anno, deciso a terminare fisiologicamente un percorso iniziato molto tempo fa: per se stesso e per la sua musica.
Per tutto ciò che è stato o non è stato detto, c'è la sua musica a raccontarvelo.

www.myspace.com/tommasolostia
www.tommasolostia.com

MARGA
Silvio Figliolini -chitarra-
Massimo Ilari -batteria-
Giacomo de Prophetis -chitarra-
Dario Maran -basso-
Giuseppe Violi -voce-

MINERVA IN BLU
Gli elementi caratterizzanti dei Minerva in Blu si possono rintracciare nelle nuove frontiere del Rock Alternativo da cui partono seguendo però un itinerario nuovo e originale. La band trascende le sonorità tradizionali del rock accomunando reminescenze di matrice psichedelico con le nuove stagioni dell'underground. E' un nuovo percorso quello dei Minerva in Blu destinato a scatenare nel fruitore smarrimento, perdita, deliquio interiore cadenzato da ritmi e aritmi veloci e taglienti senza dimenticare però il retaggio italiano da cui provengono. Ed è in queste ludiche contaminazioni di assemblaggi musicali e rumori che i testi si inseriscono magnificamente come chiavi di lettura di un enigma che va via via ad accrescendosi. Essi sono allucinati come i pensieri e i desideri, incoerenti come la società contemporanea ed ambigui come solo il sogno sa essere. I testi non hanno la pretesa di raccontare un episodio o un evento in particolare, ma semplicemente aspirano a comunicare delle sensazioni, percezioni ed emozioni suscitate da quell'esperienze. Il risultato è uno smarrimento percettivo spazio-temporale delle proposizioni linguistiche che tendono ad aggredire e spostare il perno su cui la nostra percezione si poggia. Queste sinestesie sapientemente strutturate sono state ispirate dal contemporaneo per l'uomo contemporaneo.
www.myspace.com/minervainblu

UNIPLUX
E' dagli anni ‘80 che, come un fiume sotterraneo, gli UNIPLUX sono parte integrante della scena musicale capitolina: nati da un'idea di Fabio Nardelli, capo storico della formazione originale, esordiscono nel periodo di maggior fioritura del Punk rock italico per l'etichetta RCA italiana come trio chitarra-basso-batteria, pubblicando Chi siamo noi?, una denuncia sull'incomunicabilità e sull'emarginazione giovanile. Il vocabolario stilistico del gruppo, affonda le sue radici nel Rock degli anni '70 e nella riscoperta del patrimonio beat italiano degli anni '60 . Con la partecipazione a diverse trasmissioni sui networks nazionali e locali ( Orecchiocchio, Maledetto Rock , loro la sigla edita come 45gg - Rai Stereo 2, Onda Verde, Domenica Rock …) l'equilibrio si risposta sul repertorio originale : testi rigorosamente in italiano,di orientamento sociale, legati alle tematiche del disagio giovanile come conseguenza dell'emarginazione e del degrado urbano. Con l'ennesimo cambio di organico e dopo stimolanti collaborazioni di Fabio Nardelli con il maestro Marco Schiavoni per la realizzazione di musica per cinema e teatro ("Aminta" di A. Fabrizi, "La vespa e la regina" di A. de Leo, “Da qui a cinque anni”con Caterina Genta ), giunge a definitiva maturazione il nuovo repertorio originale che, nelle esibizioni dal vivo, si affianca progressivamente sia ai vecchi cavalli di battaglia della band, sia alla rivisitazione di alcune covers beat-rock anni '60 e '70 ( Rockes, Battisti, C.Caselli , Area, Led Zeppelin ecc….). Trovano finalmente la giusta esposizione il chitarrismo viscerale del leader Fabio Nardelli, la sua voce sporca e sofferta, le sue visioni compositive maturate dall'esperienza quotidiana di psicologo e psicoterapeuta Reichiano (aspirante sciamano..?). L'impegno in favore dei più deboli, per la prevenzione, la cura e la riabilitazione della malattia mentale e della tossicodipendenza diventano così un formidabile motore propulsivo per una scrittura senza compromessi, a volte aspra e diretta, comunque sincera. Recentemente i testi del gruppo si arricchiscono di contaminazioni esoterico-culturali, attraverso la visione del mondo del filosofeggiante leader: tra i nuovi brani Fermare il mondo parla del doloroso processo di trasformazione interiore, percorso inevitabile per pervenire ad un nuovo tipo di conoscenza, come unica alternativa possibile alla drammatica condizione omologante ed alienante dell'uomo occidentale. E' evidente il richiamo al libro "Viaggio ad Ixtlan" di Carlos Castaneda. Il fantasma della libertà è ispirato all'omonimo film di Luis Bunuel. Radiazione orgonica, è un tributo al lavoro di Wilhelm Reich, psicoanalista rivoluzionario tanto geniale quanto perseguitato e rimosso dalla scienza ufficiale del nostro tempo, così come allo stesso Reich, nell'ultimo album, sono dedicate Superimposizione cosmica e Asylum che parla della sua morte avvenuta in carcere negli Stati Uniti nel 1957. Nel 2000 il gruppo è ospite promo-hit al 22° Girofestival trasmesso da Rai 3, partecipa a Demo su Rai 1 nel 2004, Cosa succede in città di Red Ronnie nel 2004, Notturno Italiano di Carlo Posio su Rai radio 2 nel 2005 e 2006. Il gruppo ha realizzato il cortometraggio Fermare il mondo, prodotto dallo Studio ZOBIT, per la regia di Marco Schiavoni, su soggetto di Fabio Nardelli. Dal corto è tratto il videoclip omonimo. Sempre del 2002 è la pubblicazione del cd album “Radiazione Orgonica” per l'etichetta indipendente Blond Records di Enrico Capuano. Nel mese di Novembre 2006 segue la pubblicazione di “ I Dannati, i Militanti e lo stregone” realizzato in coproduzione con l'etichetta indipendente Atman Records. Nel mese di dicembre 2007 è uscito il nuovo CD degli uniplux dal titolo "Spacciatori di soldi" pubblicato sempre con la Atman Records
www.myspace.com/uniplux
www.uniplux.com

L.F.B.
Gli LFB, una rock band della periferia romana, nascono dall'incontro tra Gabriele Tomassini e Danilo Spagna.
I due, amici di infanzia, sono  cresciuti nello stesso quartiere a poche vie di distanza ma si incontrano musicalmente alla fine del 98.
Gabriele frequenta gia' da qualche anno una scuola di musica a Tor Bella Monaca presso il CIS;  Danilo, che da poco suona la chitarra, e' in cerca di qualcuno  che gli faccia fare un salto di qualita'  tecnico ed armonico, quella persona e' Emanuele Lunadei.
Sotto la guida dell'ottimo Lunadei i due crescono; con tanto entusiasmo, creativita'   danno vita al   loro primo gruppo musicale, i TBM social club, di qui le prime esibizioni  dal vivo.
Il primo concerto nel luglio del 99, fu nel quartiere  "Giardinetti", bissato ad ottobre dello stesso anno a Cardeto in provincia di reggio calabria nell'ambito di uno scambio culturale con dei ragazzi calabresi.
Dopo questo  periodo i due si perdono di vista per ritrovarsi nell'estate del 2003 in una nuova formazione e con un nuovo nome, LFB.
Grazie alle esperienze ormai maturate questa  volta il progetto e'  tutto proprio e nonostante qualche cambio di elemento si arriva alla formazione definitiva con Gabriele, al basso e alla voce, Danilo, chitarra solista, Roberto Carlomagno alla tastiera, Manuele Zerulo chitarra ritmica e Marcello Bozzi alla batteria. Il gruppo trova un buon affiatamento musicale e comincia subito ad esibirsi dal vivo in locali, piazze e centri sociali.
Parallelamente inizia  la lavorazione di proprie composizioni affinando una sonorita' che risente molto delle influenze del rock anni 70, evidenti soprattutto nel primo demo, composto di tre brani in lingua inglese e due in italiana (LFB ep).
I ragazzi iniziano a farsi conoscere ed apprezzare non solo nel proprio quartiere ma in tutte le zone in cui si propongono.
come spesso  accade nonostante impegno, qualita' e talento non e' facile sfondare e   problemi, incomprensioni e tensioni  minano l'intesa trovata con tanta fatica fino all'abbandono prima del tastierista Roberto e alla piu' recente e drastica dipartita del chitarrista danilo.
il gruppo non si da per vinto e continua a lavorare su nuovi brani, riarrangiando i vecchi e scrivendo ste due righe al computer.
sito www.solorock.altervista.org in costruzione

ZEUGMA
Il progetto musicale degli Zeugma nasce a febbraio del 2006. Sin da subito l'intento è quello di crescere, contaminarsi e creare musica in grado di cullare una poesia senza perdere il vigore e la forza del rock. Band emergente con un vasto repertorio, gli Zeugma hanno già riscosso un notevole interesse da parte del pubblico; all'attivo hanno un demo-cd di 3 tracce, registrato alla Monkey's Island di Campobasso ed un EP di 6 tracce (Fermo Immagine) registrato negli studi "Gnagnotech" di Roma. Tanto "garage" e un discreto numero di concerti hanno permesso alla band di fare passi da gigante, nonostante l'età dei componenti e il poco tempo trascorso dalla nascita del progetto; vantano, infatti, diverse partecipazioni a concorsi di scala nazionale, portati a termine positivamente in quanto a posizioni e risposta del pubblico. Questo li sprona a continuare facendo tesoro delle band e dei musicisti che si incontrano lungo il cammino, ma anche della passione per la musica che li ha sempre caratterizzati.
www.myspace.com/zeugma
www.zeugmaweb.it

MUSICPHOBIA
I "Musicphobia" sono una rock band composta dal cantante Michelangelo Lubrano, il chitarrista Giuseppe Silvestri e Marco Sebastianelli alla batteria. Le loro composizioni risentono di varie influenze;dai Queen ai Muse,dagli Alice In Chains ai Soundgarden. Alternano situazioni più rock ad altre di natura unplugged. Si presentano al "Castelverderock festival"con un repertorio basato sulle loro composizioni. Eseguiranno le versioni acustiche dei loro brani,ma senza snaturare la loro anima rock. Ne nasce una miscela dove si incontrano energia e melodia per generare un sound originale ed innovativo.
www.myspace.com/themusicphobiaband


BASTIAN CONTRARIO
Soldani Flavio -batteria-
Goglia Fabrizio -chitarra-
Ferretti Davide - chitarra e voce-
Corbellini Davide - basso-

SUFIGARAGE
Il gruppo nasce a Roma a metà del 2005 con l'incontro tra Renato Micelli già bassista di gruppi come Tijuana Trip, Prima Brigata e Aldo Vallarelli chitarrista compositore ispirato da musicisti come Robert Fripp e Adrian Belew. Dopo poco vengono affiancati alla batteria da Fabrizio Rainaldi già batterista dei Tijuana Trip, Brain Spark Plugs e Gronge. I SUFI GARAGE iniziano a suonare dal vivo con buon successo in locali importanti della capitale, come Big Mama e Jailbreak. Il gruppo inizia la sua attivtà proponendo una rivisitazione rock di alcuni brani di F.Battiato. Le sonorita intense e articolate della chitarra passano dalle linee melodiche accattivanti alle distorsioni piu' ampie. Questo, supportato da una potente sezione ritmica. Il gruppo attualmente ha messo da parte il tributo a Battiato, per realizzare brani originali in italiano caratterizzati da una svolta decisamente più rock delle sonorità.
www.myspace.com/sufigarage

WANASGANA
Band nata nel 2007 con influenze grunge all'italiana, formata da tre elementi (basso,batteria, Chitarra).
Il nome Wanasgana che gioca sul "nonsenso", nel senso che non ha senso,a voler sottolineare il voler dare tutta l'importanza al suono,alla musica come spressione del loro spirito di giovani della periferia che si estende sul litorale romano, senza lasciare niente ai sofismi o all' "immagine".
Componenti:
Sandro Sabbatini: classe '84, voce e basso con esperienza biennale(dal 2004 al 2006) nella tribute band dei "Nevermind",con all'attivo tourneé in Italia ed Estero,si distingue in questo progetto anche come chitarrista.
Vincenzo Stefanini: classe'75,batterista autodidatta con carriera ventennalealle spalle tra vari progetti di rock originale e tribute bands. Comincia a suonare nel 1985 nella band del fratello maggiore e dal 1990 inizia con la sua prima esperienza di musica originale. Nel 1992 forma i "Nevermind" che calcano ancora oggi i palchi romani e non solo.
Damiano Caporalini: classe'86,giovane chitarrista di talento con molta voglia di fare esperienze sopratutto live, si distingue nella band per il suo eclettismo:nella band suona la chitarra solista ma si alterna anche al basso, la sua prima formazione musicale inizia inoltre sulla batteria.
www.myspace.com/wanasgana.com

NOISE QUARTET
1000000 d'anni fa (o forse 2...), l'uomo iniziava ad usare gli anfratti e le fessure, che il territorio gli offriva, come riparo per la notte. Era il principio dell'identificazione di un luogo ben specifico come proprio, da cui ricevere protezione e conforto: la GROTTA.
L'uomo smise quindi i suoi panni di soggetto nomade, per vestire quelli assai più confortevoli di soggetto stanziato... e stantio! Tutto ciò era infatti anche fonte di noia e di routine, non consentendo alla sua mente di ricevere i sempre nuovi stimoli che i diversi luoghi del suo errare gli fornivano.
Fu proprio allora che, per vincere la noia, si costituì il nucleo primordiale dei Noise Quartet , provando a creare dei suoni (in principio non ben articolati), all'interno del loro anfratto (CAVERN NOISE), cercando il proprio piacere e quello dei co-inquilini!
Con il passare degli anni, i Noise Quartetcercarono di dare una forma sonora sempre più definita alle loro percezioni sensoriali, e a quei suoni che sentivano provenire dai cunicoli più bui e lontani, iniziando così il loro GROTTESCO tentativo musicale: interpretare il canto primordiale che si leva dalle profondità della terra!
E' da quei tempi lontani che, rifrangendosi tra stalattiti e stalagmiti, la MUSICA DA GROTTA echeggia per le cavità terrestri.
www.myspace.com/noisequartet

FALENA
I componenti della Falena sono originari della provincia di Roma, l'attuale formazione nasce nel 2003 dall'incontro dei tre fondatori Emiliano, Andrea e Alessandro, con Domenico prima e Marco poi.
Dopo molti tempo di studio e di ricerca e con la convinzione di aver raggiunto un primo risultato, cominciano ad esibirsi live.
La voglia di trasformare la loro musica in qualcosa di tangibile nel marzo 2007 li porta nuovamente in studio, per registrare 8 brani, che comporranno "IMPRESSIONI" il primo cd, totalmente autoprodotto.
Adesso la Falena con il nuovo batterista Rossano Acciari torna ad esibirsi e a lavorare all'uscita del suo secondo lavoro.E la storia continua...........
www.myspace.com/falenaweb

NOVAE VITAE
Il progetto Novae Vitae nasce nel 2004 dalla collaborazione tra Ivan Cerminara e Luca Corradini, rispettivamente cantante e chitarrista del gruppo, dopo anni di esperienza in alcune tribute band di Roma tra cui i Nevermind e Five Against One. Affini nel gusto musicale ed uniti nell'intento di concretizzare le comuni idee musicali, compongono una serie di canzoni di varia natura,mescolando il rock adrenalico di impronta grunge e post-rock con ballate melodiche dal ritmo psichedelico intrise di contaminazioni a largo raggio.
Fin dall'inizio, dunque, l'approccio alla composizione è naturale, mai vincolato dalla necessità di collocarsi in un determinato settore musicale. La matrice rimane sempre rock, ma sia la forma che il contenuto esulano da un semplice esercizio di stile per seguire le sensazioni contingenti.Per i due amici tali finalità artistiche riescono a concretizzarsi anche con il prezioso apporto di Roberto Renzi, al basso, ed Emanuele Carradori, alla batteria,musicisti preparati ma soprattutto intenti a trasformare le emozioni in musica
I Novae Vitae hanno tenuto concerti nei locali più conosciuti di Roma e i loro brani vanno in onda su Radio Rock,Radio Rock Italia e Radio Città Aperta. Il sito web Rockitalia.com li ha eletti miglior band italiana nel marzo 2006.
Nel 2008 il gruppo subisce un cambiamento sensibile nella line-up.Il cantante ed il bassista dei Five Against One, Andrea Adducci e Franco Carraffelli, entrano a far parte dei Novae Vitae che nel mese di Marzo ricevono un contratto discografico dalla Enjoy records.
www.myspace.com/novaevitae
www.novaevitae.it

ANDREA CASSETTA
Andrea Cassetta ha realizzato la colonna sonora del Film "FATE COME NOI" uscito nei cinema il 24/04/2004 (distribuito da ISTITUTO LUCE). Nel 2000 ha aperto il concerto di inaugurazione di piazza giovanni Castano a Roma al quale hanno preso parte artisti affermati come NADA TRIO AVION TRAVEL e artisti meno conosciuti come Enrico Sognato, Marco Conidi e il Bagatto, in quell'occasione partecipò alla serata con il suo gruppo i T.B.M. social club. All'evento prese parte anche Francesco Rutelli e presentò la serata DADO del SEVEN SHOW. Nel 1999 Andrea partecipa all'iniziativa "Gioventù x l'europa " (uno scambio culturale con dei ragazzi del sud italia). Per l'occasione Andrea registra in studio in una sola giornata un demo di 2 canzoni (ULTIMO GIORNO, CHIUSO IN UNA GABBIA) nel quale suona chitarre, basso, batteria e voce. L'iniziativa diede vita a 2 concerti uno a Cardeto ( Calabria) e uno a ROma. Attualmente si esibisce in molti locali della capitale tra i quali LOcanda atlantide, stazione birra, coetus, la corriera stravagante, ex-fienile, c.s. spartaco... e tutti quelli che ospitano musica originale dal vivo. A Giugno 2006 RADIO ROCK passa all'interno del programma NOSLAPPER il singolo "E' QUASI NATALE" (il programma noslapper ora è in onda il mercoledi pomeriggio su RADIOMERIDIANO12). Andrea sta ultimando il suo primo album autoprodotto nel quale suona tutti gli strumenti e canta. Dal vivo è supportato al basso da SEBASTIANO BASSO e alla batteria da GIORDANO TUGNOLI
www.myspace.com/andreacassettamusic

 

Regolamento completo clicca qui  
   
Documento senza titolo
Visitatori:
Designed by Helpyonline